Testo Pubblico
logo comune di Cigliano
COMUNE DI CIGLIANO
Provincia di Vercelli

VERBALE DI DELIBERAZIONE
DEL CONSIGLIO COMUNALE

N. 61 del 28/11/2015


OGGETTO: CONVENZIONE RELATIVA AL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI DI STAZIONE UNICA APPALTANTE (S.U.A.): PROROGA.


Il giorno 28/11/2015 alle ore 09.30 nella sala delle adunanze consiliari, previa convocazione individuale effettuata nei modi e termini di legge, si è riunito il Consiglio Comunale in sessione ORDINARIA e in seduta pubblica di PRIMA convocazione.

All'appello risultano:

Presenti                                             Assenti                                             
1) Rigazio Anna
2) Filippi Bruna
3) Castelli Gianni
4) Bobba Roberto
5) Autino Livio
6) Corgnati Giovanni
7) Cena Giovanni Rocco
8) Bertotto Stefano
9) Germano Livio
10) Civati Fernanda
11) Saggio Claudia
1) Grigolo Emiliano
2) Beltrame Donatella
Totale presenti 11Totale assenti 2



Assiste all'adunanza il Segretario Comunale Dott. Michelangelo La Rocca il quale provvede alla redazione del presente verbale.

Essendo legale il numero degli intervenuti, Rigazio Anna assume la presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell'oggetto sopra indicato, posto al n. 7 dell'ordine del giorno.

-
Deliberazione CC n. 61 del 28/11/2015 - PROPOSTA
OGGETTO: CONVENZIONE RELATIVA AL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI DI STAZIONE UNICA APPALTANTE (S.U.A.): PROROGA.

L?Amministratore competente

Premesso che:

- l?art. 33 del D. Lgs. n. 163/2006 e ss.mm.ii. prevede che le stazioni appaltanti e gli enti aggiudicatori possono acquisire lavori, servizi e forniture facendo ricorso a centrali di committenza, anche associandosi o consorziandosi;

- il comma 3-bis del sopra citato decreto prevede che ?I Comuni non capoluogo di provincia procedono all?acquisizione di lavori, beni e servizi nell?ambito delle unioni dei comuni di cui all?articolo 32 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, ove esistenti, ovvero costituendo un apposito accordo consortile tra i comuni medesimi e avvalendosi dei competenti uffici anche delle province, ovvero ricorrendo ad un soggetto aggregatore o alle province, ai sensi della legge 7 aprile 2014 n. 56. In alternativa, gli stessi Comuni possono acquisire beni e servizi attraverso gli strumenti elettronici di acquisto gestiti da Consip S.p.A. o da altro soggetto aggregatore di riferimento. L?Autorit? per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture non rilascia il codice identificativo gara (CIG) ai comuni non capoluogo di provincia che procedano all?acquisizione di lavori, beni e servizi in violazione degli adempimenti previsti dal presente comma. Per i Comuni istituiti a seguito di fusione l?obbligo di cui al primo periodo decorre dal terzo anno successivo a quello di istituzione?;

- la Legge n. 56/2014 riconosce alle province la funzione di stazione appaltante;

 Richiamate:

- la deliberazione del Consiglio Comunale n. 70 del 29/12/2014 con la quale il Comune di Cigliano segnalava alla Provincia di Vercelli l?interesse ad aderire alla Stazione Unica Appaltante istituita;

- la deliberazione della Giunta Comunale n. 2 del 10/01/2015 con la quale veniva approvata la bozza di convenzione tra la Provincia di Vercelli e il Comune di Cigliano per il conferimento delle funzioni di stazione unica appaltante (S.U.A.) presso la Provincia di Vercelli;

- la convenzione sottoscritta il 19/01/2015;

 Atteso che la durata della convenzione era annuale, in via sperimentale, e che la stessa pu? essere prorogata per ulteriori tre anni, mediante manifestazione scritta di volont? dell?ente aderente;

 Ritenuto proporre la proroga, per anni tre, della convenzione con la Provincia di Vercelli per il conferimento delle funzioni di stazione unica appaltante (S.U.A.);

 propone al Consiglio Comunale

 1) di prorogare, per anni tre, la convenzione con la Provincia di Vercelli per il conferimento delle funzioni di stazione unica appaltante (S.U.A.);

 2) di dare atto che il Comune di Cigliano ricorrer? alla Stazione Unica Appaltante presso la Provincia di Vercelli, per l?acquisizione di lavori - beni e servizi, nei casi previsti dalla legge cos? come si riserva la possibilit? di procedere autonomamente nei limiti consentiti dalle norme in vigore.


-
Deliberazione CC n. 61 del 28/11/2015 - PARERI PREVENTIVI
OGGETTO: CONVENZIONE RELATIVA AL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI DI STAZIONE UNICA APPALTANTE (S.U.A.): PROROGA.




Il/La sottoscritto/a, Anna Rigazio, Amministratore, propone che il Consiglio Comunale approvi la proposta di deliberazione sopra esposta.

L'AMMINISTRATORE COMPETENTE
F.to Anna Rigazio







PARERI PREVENTIVI


Ai sensi dell'art. 49, comma 1, e dell'art. 147-bis, comma 1, del Decreto Legislativo n. 267 in data 18.08.2000, il RESPONSABILE DEL SERVIZIO ESPRIME PARERE FAVOREVOLE in ordine alla regolarità tecnica e alla regolarità e alla correttezza dell'azione amministrativa, in fase preventiva di formazione, del provvedimento che si intende approvare con la presente proposta di deliberazione.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
F.to Michelangelo La Rocca





-
Deliberazione CC n. 61 del 28/11/2015 - DISCUSSIONE, VOTAZIONE E DISPOSTO
OGGETTO: CONVENZIONE RELATIVA AL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI DI STAZIONE UNICA APPALTANTE (S.U.A.): PROROGA.


Udita la relazione del Sindaco Anna Rigazio che illustra la proposta relativa alla convenzione inerente il conferimento delle funzioni di stazione unica appaltante alla Provincia di Vercelli;


Uditi gli interventi degli Assessori Bruna Filippi e Gianni Castelli che invitano a presentare alla SUA un documento sottoscritto anche dai Comuni vicini che dovessero condividerlo per chiedere una maggiore e migliore funzionalit? del servizio gestito in forma associata;


Si d? atto che per gli interventi relativi alla discussione su questo punto dell?ordine del giorno si fa espresso rinvio alla registrazione audio della seduta.


Successivamente il Presidente indice la votazione.


IL CONSIGLIO COMUNALE

Vista la sopraestesa proposta di deliberazione;

Visto il parere FAVOREVOLE in merito alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile del Servizio, ai sensi dell'art. 49 del Decreto Legislativo n. 267 del 18/08/2000;


Con voti favorevoli 11, contrari 0 e astenuti 0 espressi in forma palese;

D E L I B E R A

di approvare la su estesa proposta di deliberazione che qui si intende integralmente riportata.








-
Deliberazione CC n. 61 del 28/11/2015


Letto, approvato e sottoscritto:

IL PRESIDENTE
F.to Rigazio Anna

IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Michelangelo La Rocca





RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE

La suestesa deliberazione;

¤ E' stata pubblicata all'Albo Pretorio dal giorno al giorno ai sensi di Legge. Reg. Pubbl. n. /.

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






Il sottoscritto Segretario Comunale certifica che la suestesa deliberazione è divenuta ESECUTIVA il ____________________ ai sensi dell'art. 134 - comma 3 - del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, decorsi dieci giorni dalla pubblicazione

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






LA PRESENTE COPIA E' CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO

Cigliano lì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
Clara Destro

_________________________