Testo Pubblico
logo comune di Cigliano
COMUNE DI CIGLIANO
Provincia di Vercelli

VERBALE DI DELIBERAZIONE
DEL CONSIGLIO COMUNALE

N. 13 del 18/05/2015


OGGETTO: ADOZIONE VARIANTE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA.


Il giorno 18/05/2015 alle ore 21.00 nella sala delle adunanze consiliari, previa convocazione individuale effettuata nei modi e termini di legge, si è riunito il Consiglio Comunale in sessione ORDINARIA e in seduta pubblica di PRIMA convocazione.

All'appello risultano:

Presenti                                             Assenti                                             
1) Rigazio Anna
2) Filippi Bruna
3) Castelli Gianni
4) Bobba Roberto
5) Autino Livio
6) Corgnati Giovanni
7) Cena Giovanni Rocco
8) Civati Fernanda
9) Saggio Claudia
1) Grigolo Emiliano
2) Bertotto Stefano
3) Germano Livio
4) Beltrame Donatella
Totale presenti 9Totale assenti 4



Assiste all'adunanza il Segretario Comunale Dott. Michelangelo La Rocca il quale provvede alla redazione del presente verbale.

Essendo legale il numero degli intervenuti, Rigazio Anna assume la presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell'oggetto sopra indicato, posto al n. 2 dell'ordine del giorno.

-
Deliberazione CC n. 13 del 18/05/2015 - PROPOSTA
OGGETTO: ADOZIONE VARIANTE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA.

L?Amministratore competente

Il Comune di Cigliano ? dotato di Piano di Classificazione Acustica approvato in Via definitiva con Delibera C.C. n. 33 del 24/07/2008;

Considerato che il Comune ? dotato di Piano Regolatore Comunale la cui Variante generale ? stata approvata con D.G.R. N. 9-10 del 03/11/2010, che in seguito sono state approvate due Varianti Parziali con D.C.C. n. 48 in data 26/09/2011 e con D.C.C. n. 46 in data 29/09/2014.

Dato atto che l?Elaborazione della presente variante al Piano di Classificazione Acustica ? stata effettuata sulla base della variante al P.R.G.C. e delle successive varianti parziali e conformemente ai criteri regionali per la classificazione acustica del territorio.

La redazione della presente proposta fa riferimento ad una metodologia operativa il cui postulato fondamentale ? che in ogni porzione del territorio devono essere garantiti i livelli di inquinamento acustico compatibili con le attivit? umane in essa svolte. In particolare ? stato utilizzato il metodo proposto dalla Regione Piemonte D.G.R. 6/8/2001, n. 85/3802 pubblicato sul BURP n. 33 del 14/08/2001.

Richiamati:

- la ?Legge quadro sull?inquinamento acustico? del 26/10/1995 n. 447 che stabilisce i principi fondamentali in materia di tutela dell?ambiente esterno e dell?ambiente abitativo dall?inquinamento acustico;

- il D.P.C.M. 14/11/1997 ?Determinazioni dei valori limite delle sorgenti sonore?, che costituisce il provvedimento attuativo della suddetta legge  quadro;

- la L.R. 20/10/2000 n. 52 recante ?Disposizioni per la tutela dell?ambiente in materia di inquinamento acustico?;

- la D.GR. n. 85-3802 del 06/08/2001 di approvazione delle Linee guida per la redazione della classificazione acustica del territorio;

Considerato che:

- i Comuni devono procedere alla classificazione del territorio comunale in aree omogenee dal punto di vista della classe acustica;

- la classificazione acustica ? integrativa degli strumenti urbanistici vigenti, con i quali ? coordinata al fine di armonizzare le esigenze di tutela dell?ambiente esterno e abitativo dall?inquinamento acustico con la destinazione d?uso e le modalit? di sviluppo del territorio;

Dato atto che, ai sensi dell?art. 7, comma 1 della L.R. 20.10.2000, n. 52, la procedura di approvazione della classificazione acustica del territorio comunale ? stata avviata in data 17.12.2014 mediante la trasmissione della proposta di classificazione acustica alla Provincia di Vercelli, ai comuni limitrofi e tramite pubblicazione del medesimo all?albo pretorio e sul B.U.R. n. 52 del 24.12.2014 e il contestuale deposito della documentazione progettuale presso gli uffici municipali.

Dato atto che nel merito della proposta di classificazione acustica non sono pervenuti rilievi o proposte da parte di Provincia, Comuni viciniori, enti o soggetti privati e pertanto non ? necessario apportare modifiche o correzioni agli elaborati progettuali che qui si intendono approvare.

Vista la proposta di variante di classificazione acustica del territorio comunale, predisposta da Arkistudio societ? di progettazione s.r.l.

Acquisito il parere favorevole espresso dal Responsabile del servizio tecnico, reso ai sensi e per gli effetti dell?art. 49 comma 1 del Testo Unico delle leggi sull?ordinamento degli Enti Locali approvato con Decreto Legislativo 16.08.2000, n. 267

propone al Consiglio Comunale:

1. Di adottare, ai sensi della L.R. n. 52/2000 e della D.G.R. 85-3802/01, la variante del Piano di Classificazione Acustica del territorio comunale di Cigliano, redatta da Arkistudio societ? di progettazione s.r.l. e composta da:

- Tavola P1a - Fase II: analisi territoriale di completamento e perfezionamento della bozza di zonizzazione acustica - planimetria centro abitato e frazioni;

- Tavola P2a - Fase III: omogeneizzazione della classificazione acustica e individuazione delle aree destinate a spettacolo a carattere temporaneo, oppure all?aperto - planimetria centro abitato e frazioni;

- Tavola P3a - Fase IV: inserimento delle fasce ?cuscinetto? e delle fasce di pertinenza delle infrastrutture dei trasporti - planimetria centro abitato e frazioni;

- Tavola P1b - Fase II: analisi territoriale di completamento e perfezionamento della bozza di zonizzazione acustica - planimetria territorio comunale;

- Tavola P2b - Fase III: omogeneizzazione della classificazione acustica e individuazione dlele aree destinate a spettacolo a carattere temporaneo, oppure mobile, oppure all?aperto - planimetria territorio comunale;

- Tavola P3b - Fase IV: inserimento delle fasce ?cuscinetto? e delle fasce di pertinenza delle infrastrutture dei trasporti - planimetria territorio comunale;

- Tavola R - relazione descrittiva;

2. Di demandare al Responsabile del servizio tecnico, ogni ulteriore adempimenti di legge in ordine alla trasmissione del presente atto alla Regione Piemonte, alla Provincia di Vercelli e all?A.R.P.A., ed alla pubblicazione mediante affissione all?albo pretorio e avviso sul B.U.R. dell?avvenuta approvazione





-
Deliberazione CC n. 13 del 18/05/2015 - PARERI PREVENTIVI
OGGETTO: ADOZIONE VARIANTE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA.




Il/La sottoscritto/a, Gianni Castelli, Amministratore, propone che il Consiglio Comunale approvi la proposta di deliberazione sopra esposta.

L'AMMINISTRATORE COMPETENTE
F.to Gianni Castelli







PARERI PREVENTIVI


Ai sensi dell'art. 49, comma 1, e dell'art. 147-bis, comma 1, del Decreto Legislativo n. 267 in data 18.08.2000, il RESPONSABILE DEL SERVIZIO ESPRIME PARERE FAVOREVOLE in ordine alla regolarità tecnica e alla regolarità e alla correttezza dell'azione amministrativa, in fase preventiva di formazione, del provvedimento che si intende approvare con la presente proposta di deliberazione.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
F.to Annunziata Gattaf?





-
Deliberazione CC n. 13 del 18/05/2015 - DISCUSSIONE, VOTAZIONE E DISPOSTO
OGGETTO: ADOZIONE VARIANTE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA.

 Alle ore 21,15 arriva il Consigliere Bertotto ed i presenti diventano 10.

 

Udita la relazione dell?Arch. Tullio Toselli che svolge una lunga e dettagliata relazione sull?adozione della variante al piano di classificazione acustica soffermando la propria attenzione sulle varie fasi della procedura di adozione e sulla individuazione delle zone acustiche;

 

Lo stesso Arch. Tullio Toselli  sofferma la propria attenzione sulle differenze con il precedente piano acustico e precisa che dopo l?adozione da parte del Consiglio Comunale il piano verr? inviato alla Regione Piemonte, alla Provincia di Vercelli ed all?Arpa che lo acquisiranno ai loro atti come piano acustico ufficiale del Comune di Cigliano;

 

Uditi gli interventi dei Consiglieri Comunali Giovanni Corgnati, Stefano Bertotto, Livio Autino, Roberto Bobba e  Fernanda Civati che chiedono ed ottengono dall? Arch. Tullio Toselli chiarimenti su alcuni specifici aspetti del piano in argomento;

 

Dato atto che per i testi integrali degli interventi di coloro che hanno partecipato alla discussione su questo punto si fa espresso rinvio alla registrazione audio della seduta.

 

Successivamente il Presidente indice la votazione.


IL CONSIGLIO COMUNALE

Vista la sopraestesa proposta di deliberazione;

Visto il parere FAVOREVOLE in merito alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile del Servizio, ai sensi dell'art. 49 del Decreto Legislativo n. 267 del 18/08/2000;


Con voti favorevoli 10, contrari 0 e astenuti 0 espressi in forma palese;

D E L I B E R A

di approvare la su estesa proposta di deliberazione che qui si intende integralmente riportata.

 



Successivamente, stante l'urgenza di provvedere;
Con voti favorevoli 10, contrari 0 e astenuti 0 espressi in forma palese;

D E L I B E R A

Di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134 - comma 4 - del D.Lgs 18/08/2000 n. 267






-
Deliberazione CC n. 13 del 18/05/2015


Letto, approvato e sottoscritto:

IL PRESIDENTE
F.to Rigazio Anna

IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Michelangelo La Rocca





RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE

La suestesa deliberazione;

¤ E' stata pubblicata all'Albo Pretorio dal giorno al giorno ai sensi di Legge. Reg. Pubbl. n. /.

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






Il sottoscritto Segretario Comunale certifica che la suestesa deliberazione è divenuta ESECUTIVA il ____________________ ai sensi dell'art. 134 - comma 3 - del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, decorsi dieci giorni dalla pubblicazione

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






LA PRESENTE COPIA E' CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO

Cigliano lì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
Clara Destro

_________________________