Testo Pubblico
logo comune di Cigliano
COMUNE DI CIGLIANO
Provincia di Vercelli

VERBALE DI DELIBERAZIONE
DEL CONSIGLIO COMUNALE

N. 7 del 28/03/2015


OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE AVENTE PER OGGETTO LA DELEGA AL COMUNE DI VERCELLI DELLE FUNZIONI PER L?ORGANIZZAZIONE E PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA? PROPEDEUTICHE E STRUMENTALI ALL?AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEI TERRITORI DEI COMUNI DELL?AMBITO TERRITORIALE MINIMO DI VERCELLI, COMPRESA LA GESTIONE DELLE FASI DI GARA E LA GESTIONE DELLA FASE CONTRATTUALE.


Il giorno 28/03/2015 alle ore 09.00 nella sala delle adunanze consiliari, previa convocazione individuale effettuata nei modi e termini di legge, si è riunito il Consiglio Comunale in sessione STRAORDINARIA e in seduta pubblica di PRIMA convocazione.

All'appello risultano:

Presenti                                             Assenti                                             
1) Rigazio Anna
2) Filippi Bruna
3) Castelli Gianni
4) Bobba Roberto
5) Autino Livio
6) Corgnati Giovanni
7) Cena Giovanni Rocco
8) Bertotto Stefano
9) Civati Fernanda
10) Saggio Claudia
1) Grigolo Emiliano
2) Germano Livio
3) Beltrame Donatella
Totale presenti 10Totale assenti 3



Assiste all'adunanza il Segretario Comunale Dott. Michelangelo La Rocca il quale provvede alla redazione del presente verbale.

Essendo legale il numero degli intervenuti, Rigazio Anna assume la presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell'oggetto sopra indicato, posto al n. 3 dell'ordine del giorno.

-
Deliberazione CC n. 7 del 28/03/2015 - PROPOSTA
OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE AVENTE PER OGGETTO LA DELEGA AL COMUNE DI VERCELLI DELLE FUNZIONI PER L?ORGANIZZAZIONE E PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA? PROPEDEUTICHE E STRUMENTALI ALL?AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEI TERRITORI DEI COMUNI DELL?AMBITO TERRITORIALE MINIMO DI VERCELLI, COMPRESA LA GESTIONE DELLE FASI DI GARA E LA GESTIONE DELLA FASE CONTRATTUALE.

L?Amministratore competente

Premesso:

-                      che l?art. 14, comma 1, del D. Lgs. 23 maggio 2000, n. 164 prevede che l?attivit? di distribuzione di gas naturale ? attivit? di servizio pubblico, da affidarsi esclusivamente mediante gara per periodi non superiori a dodici anni;

-                      che, ai sensi del medesimo art. 14, comma 1, del D. Lgs. 164/2000 l?affidamento del servizio pu? avvenire, da parte degli enti locali, anche in forma associata;

-                  che l?art. 46-bis, comma 2, del D.L. 1 ottobre 2007, n. 159, convertito con modificazioni nella L. 29 novembre 2007, n. 222, prevede che i Ministri dello sviluppo economico e per gli affari regionali e le autonomie locali, su proposta dell?Autorit? per l?energia elettrica e il gas, sentita la Conferenza unificata, determinino gli ambiti territoriali minimi per lo svolgimento delle gare per l?affidamento del servizio di distribuzione del gas, a partire da quelli tariffari, secondo l?identificazione di bacini ottimali di utenza, in base a criteri di efficienza e riduzione dei costi, determinando misure per l?incentivazione delle relative operazioni di aggregazione;

-                      che l?art. 24, comma 4, del D. Lgs. 1 giugno 2011, n. 93 prevede che, a decorrere dalla data dell?entrata in vigore del decreto medesimo (29 giugno 2011) le gare per l?affidamento del servizio di distribuzione siano effettuate unicamente per ambiti territoriali di cui all?articolo 46 bis, comma 2, del D.L. 159/2007;

-                      che il Decreto 19 gennaio 2011 del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro per i rapporti con le Regioni e la coesione territoriale ha individuato i 177 ambiti territoriali minimi in cui devono essere svolte le gare per l?affidamento del servizio di distribuzione del gas;

-                      che il medesimo Decreto fra i 177 ambiti ha individuato anche quello di Vercelli;

-                  che il Decreto 18 ottobre 2011 del Ministro dello sviluppo economico ha individuato gli 86 Comuni facenti parte dell?ambito territoriale minimo di Vercelli;

-                     che con Decreto 12 novembre 2011, n. 226 del Ministro dello sviluppo economico ? stato adottato il ?Regolamento per i criteri di gara e per la valutazione dell?offerta per l?affidamento del servizio della distribuzione del gas naturale, in attuazione dell?articolo 46-bis del decreto-legge 1? ottobre 2007, n. 159, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 29 novembre 2007, n. 222?;

-                      che tale Decreto 226/2011 prevede che, nel caso in cui all?ambito territoriale minimo appartenga un Capoluogo di Provincia, a tale Comune spetti il ruolo di bandire e gestire la gara in qualit? di Comune capofila degli altri Comuni dell?Ambito;

-                      che nell?ambito territoriale minimo di Vercelli, dunque, il ruolo di Comune capofila spetta ex lege al Comune di Vercelli;

-              che ai sensi del Decreto 226/2011 al Comune capofila spetta anche il compito di curare ogni rapporto con il gestore del servizio di distribuzione del gas naturale e, in particolare, di svolgere la funzione di controparte del contratto di servizio, per delega espressa degli Enti locali concedenti;

-                      che il medesimo Decreto 226/2011 fissa anche i termini perentori entro i quali deve essere bandita la gara;

-                che, sempre ai sensi del Decreto 226/2011, il gestore aggiudicatario della gara ? tenuto a corrispondere alla stazione appaltante un corrispettivo una tantum per la copertura degli oneri di gara, ivi inclusi gli oneri di funzionamento della commissione di gara;

-                 che la determinazione dei criteri di quantificazione del suddetto corrispettivo una tantum ? rimessa all?Autorit? di vigilanza sull?energia elettrica e il gas;

-                      che con deliberazione 11 ottobre 2012, n. 407, l?Autorit? ha fissato i criteri di determinazione del corrispettivo una tantum;

-                      che, ai sensi dell?art. 1, comma 16 quater, del D.L. 23 dicembre 2013, n. 145, convertito con modificazioni nella L. 21 febbraio 2014, n. 9, il predetto corrispettivo una tantum deve essere anticipato dal/i gestore/i attuale/i e successivamente essere posto a carico del gestore subentrante;

Considerato:

-                  che per i Comuni appartenenti all?ambito territoriale minimo di Vercelli si pone pertanto la necessit? di assicurare, conformemente alla disciplina legislativa nazionale e regionale vigente, la gestione del servizio di distribuzione del gas naturale in modo coordinato e integrato;

-                      che i Comuni appartenenti all?ambito territoriale minimo di Vercelli intendono gestire in forma associata le attivit? finalizzate all?affidamento mediante procedura ad evidenza pubblica del contratto di servizio all?interno dell?ambito territoriale minimo di Vercelli;

-                   che, a tale scopo, il Comune di Vercelli ha predisposto una bozza di convenzione atta a disciplinare la delega di funzioni al Comune di Vercelli per la gestione della gara nell? ambito territoriale minimo di Vercelli;

-                     che l?articolo 15 della L. 7 agosto 1990 n. 241 prevede che le amministrazioni pubbliche possano sempre concludere tra loro accordi per disciplinare lo svolgimento in collaborazione di attivit? di interesse comune;

-                      che l?articolo 30 del D. Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 dispone che, al fine di svolgere in modo coordinato funzioni e servizi determinati, gli enti locali possano stipulare tra loro apposite convenzioni che stabiliscano i fini, la durata, le forme di consultazione degli enti contraenti, i loro rapporti finanziari e i reciproci obblighi e garanzie;

-                      che il comma 4 del medesimo articolo 30 del D. Lgs. 267/2000 dispone che le suddette convenzioni possano prevedere anche la delega di funzioni da parte degli enti partecipanti all?accordo a favore di uno di essi, che opera in luogo e per conto degli enti deleganti;

Visti:

-                     l?articolo 42 del T.U. 267/2000;
-                    
lo Statuto Comunale;

propone al Consiglio Comunale, ai fini
e per le motivazioni assunti in premessa:

1)                  di approvare lo schema di convenzione allegato alla presente deliberazione e avente per oggetto la delega al Comune di Vercelli delle funzioni per l?organizzazione e per lo svolgimento delle attivit? propedeutiche e strumentali all?affidamento del servizio di distribuzione del gas naturale nei territori dei Comuni dell?ambito territoriale minimo di Vercelli, compresa la gestione delle fasi di gara e la gestione della fase contrattuale;

2)                  di dare mandato al Sindaco, quale legale rappresentante del Comune, di sottoscrivere la convenzione;

3)                  di fornire indirizzo agli Uffici competenti del Comune di svolgere ogni attivit? necessaria a garantire la collaborazione e l?assistenza al Comune di Vercelli per lo svolgimento delle attivit? oggetto di convenzione.


-
Deliberazione CC n. 7 del 28/03/2015 - PARERI PREVENTIVI
OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE AVENTE PER OGGETTO LA DELEGA AL COMUNE DI VERCELLI DELLE FUNZIONI PER L?ORGANIZZAZIONE E PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA? PROPEDEUTICHE E STRUMENTALI ALL?AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEI TERRITORI DEI COMUNI DELL?AMBITO TERRITORIALE MINIMO DI VERCELLI, COMPRESA LA GESTIONE DELLE FASI DI GARA E LA GESTIONE DELLA FASE CONTRATTUALE.




Il/La sottoscritto/a, Gianni Castelli, Amministratore, propone che il Consiglio Comunale approvi la proposta di deliberazione sopra esposta.

L'AMMINISTRATORE COMPETENTE
F.to Gianni Castelli







PARERI PREVENTIVI


Ai sensi dell'art. 49, comma 1, e dell'art. 147-bis, comma 1, del Decreto Legislativo n. 267 in data 18.08.2000, il RESPONSABILE DEL SERVIZIO ESPRIME PARERE FAVOREVOLE in ordine alla regolarità tecnica e alla regolarità e alla correttezza dell'azione amministrativa, in fase preventiva di formazione, del provvedimento che si intende approvare con la presente proposta di deliberazione.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
F.to Pier Felice Comoglio





-
Deliberazione CC n. 7 del 28/03/2015 - DISCUSSIONE, VOTAZIONE E DISPOSTO
OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE AVENTE PER OGGETTO LA DELEGA AL COMUNE DI VERCELLI DELLE FUNZIONI PER L?ORGANIZZAZIONE E PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA? PROPEDEUTICHE E STRUMENTALI ALL?AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEI TERRITORI DEI COMUNI DELL?AMBITO TERRITORIALE MINIMO DI VERCELLI, COMPRESA LA GESTIONE DELLE FASI DI GARA E LA GESTIONE DELLA FASE CONTRATTUALE.

Udita la relazione del Sindaco Anna Rigazio che illustra la proposta relativa all??ESAME ED APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE AVENTE PER OGGETTO LA DELEGA AL COMUNE DI VERCELLI DELLE FUNZIONI PER L?ORGANIZZAZIONE E PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA? PROPEDEUTICHE E STRUMENTALI ALL?AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEI TERRITORI DEI COMUNI DELL?AMBITO TERRITORIALE MINIMO DI VERCELLI, COMPRESA LA GESTIONE DELLE FASI DI GARA E LA GESTIONE DELLA FASE CONTRATTUALE?;

 

Lo stesso Sindaco Anna Rigazio precisa che il Comune di Vercelli per conto di tutti i Comuni facenti parte dell? ambito svolger? tutte le attivit? istruttorie necessarie per affidare il servizio di distribuzione del gas nei territori dei Comuni dell?ambito e passa ad illustrare alcuni articoli della convenzione che verr? sottoposta all?approvazione del Consiglio Comunale soffermando la propria attenzione sulla conferenza d?ambito e sul comitato di monitoraggio;

 

Uditi gli interventi dei Consiglieri Comunali Castelli, Corgnati, Cena e Bobba su sulle prospettive future del Servizio di distribuzione del gas naturale con particolare riferimento alla possibile diminuizione degli introiti comunali;

 

Si d? atto che per i testi integrali degli interventi dei Consiglieri Comunali che hanno preso parte alla discussione sul presente punto dell?ordine del giorno si fa espresso rinvio alla registrazione audio della seduta;

Successivamente il Presidente indice la votazione.


IL CONSIGLIO COMUNALE

Vista la sopraestesa proposta di deliberazione;

Visto il parere FAVOREVOLE in merito alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile del Servizio, ai sensi dell'art. 49 del Decreto Legislativo n. 267 del 18/08/2000;


Con voti favorevoli 10, contrari 0 e astenuti 0 espressi in forma palese;

D E L I B E R A

di approvare la su estesa proposta di deliberazione che qui si intende integralmente riportata.

 



Successivamente, stante l'urgenza di provvedere;
Con voti favorevoli 10, contrari 0 e astenuti 0 espressi in forma palese;

D E L I B E R A

Di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134 - comma 4 - del D.Lgs 18/08/2000 n. 267






-
Deliberazione CC n. 7 del 28/03/2015


Letto, approvato e sottoscritto:

IL PRESIDENTE
F.to Rigazio Anna

IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Michelangelo La Rocca





RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE

La suestesa deliberazione;

¤ E' stata pubblicata all'Albo Pretorio dal giorno al giorno ai sensi di Legge. Reg. Pubbl. n. /.

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






Il sottoscritto Segretario Comunale certifica che la suestesa deliberazione è divenuta ESECUTIVA il ____________________ ai sensi dell'art. 134 - comma 3 - del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, decorsi dieci giorni dalla pubblicazione

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






LA PRESENTE COPIA E' CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO

Cigliano lì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
Clara Destro

_________________________

Allegato Allegato Allegato