logo certificazione
Testo Pubblico
logo comune di Cigliano
COMUNE DI CIGLIANO
Provincia di Vercelli

VERBALE DI DELIBERAZIONE
DELLA GIUNTA COMUNALE

N. 147 del 20/12/2012


OGGETTO: LEGGE REGIONALE N. 11/2012 PROCEDIMENTO DI INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI PER L?ESERCIZIO ASSOCIATO OBBLIGATORIO DI FUNZIONI E SERVIZI: APPROVAZIONE LINEE DI INDIRIZZO PER LA PROPOSTA DI AGGREGAZIONE DA PRESENTARE ALLA REGIONE PIEMONTE.


Il giorno 20/12/2012 alle ore 11.00 nella sala delle adunanze, previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalla vigente legge, vennero oggi convocati a seduta i componenti della Giunta Comunale.




All'appello risultano:

Presenti                                             Assenti                                             
1) Corgnati Giovanni
2) Castelli Gianni
3) Filippi Bruna
4) Nicolotti Valentino
5) Bertotto Stefano
1) Rigazio Anna
2) Autino Livio
Totale presenti 5Totale assenti 2






Partecipa all'adunanza il Segretario Comunale Dott. Michelangelo La Rocca, il quale provvede alla redazione del presente verbale.

Essendo legale il numero degli intervenuti, Corgnati Giovanni assume la presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell'oggetto sopra indicato.

-
Deliberazione GC n. 147 del 20/12/2012 - PROPOSTA
OGGETTO: LEGGE REGIONALE N. 11/2012 PROCEDIMENTO DI INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI PER L?ESERCIZIO ASSOCIATO OBBLIGATORIO DI FUNZIONI E SERVIZI: APPROVAZIONE LINEE DI INDIRIZZO PER LA PROPOSTA DI AGGREGAZIONE DA PRESENTARE ALLA REGIONE PIEMONTE.

L?Amministratore competente

 

Premesso che:

- le recenti manovre finanziare, a partire dal DL n. 78/2010, orientano le scelte degli enti locali di piccola dimensione demografica verso forme di associazionismo intercomunale, nelle forme della convenzione, dell?unione e dell?aggregazione dei comuni tramite fusione;

- la Regione Piemonte ha approvato, con la legge regionale n. 11 del 28/09/2012, le ?Disposizioni organiche in materia di Enti Locali?, per orientare e sostenere con adeguate forme di contribuzione la gestione dei servizi tramite forme associative. Con tale legge la Regione si propone in particolare di promuovere e sostenere le associazioni dei Comuni, a cui viene data preferenza nella ripartizione delle risorse disponibili;

- un?importante variabile in gioco relativamente all?assetto istituzionale delle funzioni tra enti pubblici territoriali ? rappresentata da quanto disposto dal DL n. 201/2011, convertito nella legge n. 211/2011 e dal Disegno di legge costituzionale in corso di approvazione, relativamente al riordino ed alla soppressione delle Province.  In base al nuovo quadro legislativo, ad oggi in divenire, spetteranno alle Province esclusivamente funzioni di indirizzo e coordinamento delle attivit? dei Comuni, a cui potranno essere trasferite da parte delle Regioni le attuali funzioni provinciali, con conseguente trasferimento delle risorse umane, finanziarie e strumentali. Tale processo, che dovrebbe concludersi entro il 31.12.2013, potrebbe vedere rafforzato il ruolo dei Comuni, in base al principio di sussidiariet? verticale, quale ente a fini generali in grado di svolgere tutte le funzioni amministrative.

 

Considerato come tale dinamica suggerisca di prendere in considerazione il rafforzamento delle attuali realt? comunali.

 

Considerato che l?art.14 del D.L.78/2010, convertito in Legge 122/2010, ha stabilito che i Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti esercitano obbligatoriamente in forma associata, mediante unione di Comuni o convenzione, le funzioni fondamentali dei Comuni di cui al comma 27, ad esclusione della lettera l).

 

In ragione di quanto sopra premesso, i Comuni contermini di Cigliano, Borgo D?Ale e Moncrivello, considerata l?omogeneit? territoriale e socio-economica che li accomuna, hanno avviato un costruttivo dialogo per affrontare in modo adeguato ed efficace il riordino istituzionale in atto ed altres? adempiere all?obbligo di legge di gestire in forma associata le funzioni definite ?fondamentali?, assegnandosi come obiettivo finale del percorso di aggregazione, in un contesto caratterizzato dalla scarsit? di risorse finanziarie a disposizione per lo sviluppo locale, l?aumento della qualit? dei servizi erogati ed una riduzione dei costi, grazie alle sinergie ed alle economie di scala che si possono realizzare, anche attraverso la reingegnerizzazione dei processi di acquisizione e di erogazione dei servizi medesimi;

 

Considerato:

- che la Legge Regionale n. 11/2012, ai soli fini dell?individuazione delle aree territoriali omogenee per la gestione associata, classifica i Comuni di Cigliano,Borgo D?Ale e Moncrivello come di pianura sulla base della ripartizione del territorio in zone omogenee;

- che tale classificazione, per la formulazione della proposta di aggregazione, per la gestione in forma associata delle funzioni fondamentali, di cui al comma 1 dell?articolo 3 della LR 11/2012, comporta il rispetto del limite demografico minimo di 5000 abitanti;

- che i tre Comuni interessati superano i 8500 abitanti complessivamente;

 

Considerato che l?esercizio in forma associata della funzione sociale ? gi? attualmente svolta dai Consorzi socio-assistenziali obbligatori fra Comuni (CISAS di Santhi? per i Comuni di Cigliano e Moncrivello e  Borgo D?Ale) ;

 

Ritenuto, per le motivazioni fin qui addotte:

- di individuare quale ambito territoriale ottimale per l?esercizio associato obbligatorio di funzioni e servizi quello formato dai Comuni di Cigliano, Borgo D?Ale e Moncrivello;

- di indicare quale forma iniziale prescelta per l?esercizio associato delle funzioni e dei servizi la convenzione, ad esclusione della funzione sociale gi? svolta tramite Consorzio;

- di individuare quali funzioni e servizi da gestire in forma associata le funzioni fondamentali previste dall?art.14, comma 27, del D.L.78/2010, convertito in Legge 122/2010, di cui almeno tre entro il 31/12/2012 e le restanti entro il 31/12/2013, con priorit? per le funzioni di:

o    attivit?, in ambito comunale, di pianificazione di protezione civile e di coordinamento dei primi soccorsi (art. 14, comma 27, lett. e, del D.L.78/2010, convertito in Legge 122/2010);

o    edilizia scolastica, per la parte non attribuita alla competenza delle Province, organizzazione e gestione dei servizi scolastici (art. 14, comma 27, lett. h, del D.L.78/2010, convertito in Legge 122/2010) alla quale si aggiunger? il vicino Comune di Alice Castello le cui scuole fanno parte dell?Istituto Comprensivo di Cigliano;

 o    polizia municipale e polizia amministrativa locale (art. 14, comma 27, lett. i, del D.L.78/2010, convertito in Legge 122/2010) alla quale non parteciper? il Comune di Moncrivello che per tale servizio si assocer? ad altri Comuni.

 

Visto l?art. 30 del Decreto Lgs. n. 267/2000 che prevede che al fine di svolgere in modo coordinato funzioni o servizi determinati i Comuni e le Province possono stipulare tra loro apposite convenzioni;

 

Dato atto che questo Comune proceder? all?approvazione degli schemi di convenzione relative alle funzioni sopra citate in apposita seduta del Consiglio Comunale che verr? convocata entro il termine del corrente anno;

 

Dato atto che la presente deliberazione, in quanto mero atto di indirizzo, ai sensi dell?art. 49, comma 1, del TUEL 267/2000, non necessita di pareri di regolarit? tecnica e contabile;

 

propone alla Giunta Comunale

 

1) per le motivazioni analiticamente recate in premessa, di esprimere i seguenti indirizzi ai fini di quanto richiesto dalla Legge Regionale n. 11/2012:

 

- individuare quale ambito territoriale ottimale per l?esercizio associato obbligatorio di funzioni e servizi quello formato dai Comuni di Cigliano, Borgo D?Ale e Moncrivello;

 

- indicare quale forma iniziale prescelta per l?esercizio associato delle funzioni e dei servizi la convenzione, ad esclusione della funzione sociale gi? svolta tramite Consorzio;

 

- individuare quali funzioni e servizi da gestire in forma associata le funzioni fondamentali previste dall?art.14, comma 27, del D.L.78/2010, convertito in Legge 122/2010, di cui almeno tre entro il 31/12/2012 e le restanti entro il 31/12/2013 con priorit? per le funzioni di:

o    edilizia scolastica, per la parte non attribuita alla competenza delle province, organizzazione e gestione dei servizi scolastici (art. 14, comma 27, lett. h, del D.L.78/2010, convertito in Legge 122/2010) alla quale si aggiunger? il vicino Comune di Alice Castello le cui scuole fanno parte dell?Istituto Comprensivo di Cigliano;

o    attivit?, in ambito comunale, di pianificazione di protezione civile e di coordinamento dei primi soccorsi (art. 14, comma 27, lett. e, del D.L.78/2010, convertito in Legge 122/2010);

o    polizia municipale e polizia amministrativa locale (art. 14, comma 27, lett. i, del D.L.78/2010, convertito in Legge 122/2010) alla quale non parteciper? il Comune di Moncrivello che per tale servizio si assocer? ad altri Comuni.

 

- l?individuazione del suddetto ambito territoriale ottimale non preclude la possibilit? che alcune funzioni possano essere gestite mediante forme ed aggregazioni, anche pi? ampie, differenti, con l?obiettivo del raggiungimento della migliore economicit?, efficienza ed efficacia possibile;

 

2) di dare atto che questo Comune proceder? all?approvazione degli schemi di convenzione relative alle funzioni sopra citate in apposita seduta del Consiglio Comunale che verr? convocata entro il termine del corrente anno;

 

3) di dare mandato al Sindaco di presentare alla Regione la presente proposta di aggregazione, ai sensi dell?art. 8 della citata LR 11/2012.

 


-
Deliberazione GC n. 147 del 20/12/2012 - PARERI PREVENTIVI
OGGETTO: LEGGE REGIONALE N. 11/2012 PROCEDIMENTO DI INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI PER L?ESERCIZIO ASSOCIATO OBBLIGATORIO DI FUNZIONI E SERVIZI: APPROVAZIONE LINEE DI INDIRIZZO PER LA PROPOSTA DI AGGREGAZIONE DA PRESENTARE ALLA REGIONE PIEMONTE.




Il/La sottoscritto/a, Giovanni Corgnati, Amministratore, propone che la Giunta Comunale approvi la proposta di deliberazione sopra esposta.

L'AMMINISTRATORE COMPETENTE
F.to Giovanni Corgnati







PARERI PREVENTIVI



-
Deliberazione GC n. 147 del 20/12/2012 - DISCUSSIONE, VOTAZIONE E DISPOSTO
OGGETTO: LEGGE REGIONALE N. 11/2012 PROCEDIMENTO DI INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI PER L?ESERCIZIO ASSOCIATO OBBLIGATORIO DI FUNZIONI E SERVIZI: APPROVAZIONE LINEE DI INDIRIZZO PER LA PROPOSTA DI AGGREGAZIONE DA PRESENTARE ALLA REGIONE PIEMONTE.

Successivamente il Presidente indice la votazione.


LA GIUNTA COMUNALE

Vista la sopraestesa proposta di deliberazione;


Con voti favorevoli 5, contrari 0 e astenuti 0 espressi in forma palese;

D E L I B E R A

di approvare la su estesa proposta di deliberazione che qui si intende integralmente riportata.







-
Deliberazione GC n. 147 del 20/12/2012


Letto, approvato e sottoscritto:

IL PRESIDENTE
F.to Corgnati Giovanni

IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Michelangelo La Rocca





RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE

La suestesa deliberazione;

¤ E' stata pubblicata all'Albo Pretorio dal giorno al giorno ai sensi di Legge. Reg. Pubbl. n. /.

¤ Ai sensi dell'art. 125 del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, del presente verbale viene data comunicazione oggi _______________, giorno di pubblicazione, ai capigruppo consiliari (elenco n. _______ prot. n. _______).

¤ Trasmessa in copia alla Prefettura (prot. n. ____________).

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






Il sottoscritto Segretario Comunale certifica che la suestesa deliberazione è divenuta ESECUTIVA il ____________________ ai sensi dell'art. 134 - comma 3 - del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, decorsi dieci giorni dalla pubblicazione

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






LA PRESENTE COPIA E' CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO

Cigliano lì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
Clara Destro

_________________________