logo certificazione
Testo Pubblico
logo comune di Cigliano
COMUNE DI CIGLIANO
Provincia di Vercelli

VERBALE DI DELIBERAZIONE
DEL CONSIGLIO COMUNALE

N. 11 del 22/02/2011


OGGETTO: IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.). DETERMINAZIONE ALIQUOTE PER L?ANNO 2011.


Il giorno 22/02/2011 alle ore 21.00 nella sala delle adunanze consiliari, previa convocazione individuale effettuata nei modi e termini di legge, si è riunito il Consiglio Comunale in sessione ORDINARIA e in seduta pubblica di PRIMA convocazione.

All'appello risultano:

Presenti                                             Assenti                                             
1) Corgnati Giovanni
2) Castelli Gianni
3) Filippi Bruna
4) Cena Giovanni Rocco
5) Andreone Federica
6) Rigazio Anna
7) Nicolotti Valentino
8) Savio Giovanni
9) Bono Giovanni
10) Autino Livio
11) Bobba Stefano
1) Grigolo Emiliano
2) Vercellone Eliana
3) Bessone Enzo
4) Scavarda Claudia Maria
5) Campanella Paolo
6) Barcotti Davide
Totale presenti 11Totale assenti 6



Assiste all'adunanza il Segretario Comunale Dott. Michelangelo La Rocca il quale provvede alla redazione del presente verbale.

Essendo legale il numero degli intervenuti, Corgnati Giovanni assume la presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell'oggetto sopra indicato, posto al n. 8 dell'ordine del giorno.
Assiste alla seduta l'Assessore esterno Sig. Bertotto Stefano.

-
Deliberazione CC n. 11 del 22/02/2011 - PROPOSTA
OGGETTO: IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.). DETERMINAZIONE ALIQUOTE PER L?ANNO 2011.

Su proposta del presidente

 

            Richiamato l?art. 54 del D.Lgs. 15.12.1997 n. 446 che dispone che i Comuni approvino le tariffe e i servizi pubblici ai fini dell?approvazione del bilancio di previsione e l?art. 172 del D.Lgs. n. 267 del 18.08.2000, che annovera fra i vari documenti da allegare al bilancio di previsione, le deliberazioni con le quali sono determinati, per l?esercizio successivo, le tariffe, le aliquote d?imposta e le eventuali maggiori detrazioni, le variazioni dei limiti di reddito per i tributi locali e per i servizi locali, nonch?, per i servizi a domanda individuale, i tassi di copertura in percentuale del costo di gestione dei servizi stessi;

            Dato atto che, dal combinato disposto dei suddetti due articoli, si pu? dedurre che l?ente deve allegare al bilancio le separate deliberazioni con le quali ha approvato le tariffe, le aliquote d?imposta e le eventuali maggiori detrazioni, per i tributi locali  ed i tassi di copertura, in percentuale, del costo di gestione dei servizi stessi, per i servizi a domanda individuale;

            Richiamato altres?:

-          il D. Lgs. n. 504 del 30/12/1992 di istituzione dell?imposta comunale sugli immobili (I.C.I.);

-          l? art. 6 ? comma 1, del suddetto decreto che disciplina la determinazione delle aliquote con apposita deliberazione dell?ente da adottare annualmente;

-          il comma 156 dell?articolo 1 della Legge 27/12/2006 n. 296 ha attribuito la competenza alla determinazione delle aliquote al Consiglio Comunale;

            Visto l?art. 27, comma 8, della Legge n. 448/2001 che dispone che il termine per deliberare le aliquote e le tariffe dei tributi locali ? stabilito entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del bilancio di previsione;

            Visto l?art. 58 del D.Lgs. 15.12.1997 n. 446 che, in materia di riordino della disciplina dei tributi locali, ha apportato modifiche alla disciplina dell?imposta comunale sugli immobili ed il successivo art. 59 dello stesso D.Lgs., che ha previsto ulteriori modifiche, da attuarsi soltanto con l?approvazione di apposito regolamento, la cui entrata in vigore ? prevista a far tempo dal 1? gennaio dell?anno successivo a quello in cui il Consiglio Comunale l?ha deliberato;

            Visto altres? l?art.1, comma 5, della Legge 27.12.1997 n. 449 che prevede che i Comuni possano fissare aliquote agevolate dell?ICI anche inferiori al 4 per mille, a favore di proprietari che eseguano interventi volti al recupero di unit? immobiliari inagibili o inabitabili o interventi finalizzati al recupero di immobili di interesse artistico o architettonico localizzati nei centri storici, ovvero volti alla realizzazione di autorimesse o posti auto anche pertinenziali oppure all?utilizzo di sottotetti e che l?aliquota agevolata ? applicata limitatamente alla unit? immobiliare oggetto dei suddetti interventi e per la durata di tre anni dall?inizio dei lavori;

            Visti gli introiti derivati dall?imposta alla chiusura dell?anno precedente;

Ritenuto che l?imposta in epigrafe si presenta quale mezzo essenziale per il raggiungimento dell?equilibrio e del pareggio economico finanziario degli esercizi del triennio predetto;

Considerato che l?aliquota di un tributo - elemento essenziale dell?istituto - in ordine alla quale la legge fissa un livello minimo ed un livello massimo, rappresenta lo strumento attraverso il quale l?Ente locale esercita l?autonomia impositiva e reperisce le risorse per l?esercizio delle proprie funzioni, autonomia che si manifesta essenzialmente nella scelta dell?aliquota;

Considerato altres?, che la deliberazione in materia di I.C.I. rappresenta un provvedimento amministrativo a contenuto generale dal momento che si rivolge a gruppi indeterminati di figure soggettive, in quanto titolari di situazioni soggettive che l?Amministrazione vuol regolare con efficacia generale e che tali figure soggettive sono proprio i soggetti disciplinati dall?art. 3 del D.Lgs 504/1992 e cio? i proprietari o titolari di diritti reali di godimento di fabbricati, di aree fabbricabili e di terreni agricoli;

Ritenuto che il potere di determinare la misura dell?aliquota dell?I.C.I. ? sottoposto all?unico limite discendente dalla legge - di ?agire? tra un minimo ed un massimo - e che entro tale limite si manifesta il potere discrezionale dell?Ente locale sul versante delle scelte in materia fiscale, potere discrezionale che ? anche atto politico di notevole rilevanza in quanto impegna gli eletti nei confronti degli elettori nel difficile compito di reperire le risorse necessarie per lo svolgimento delle funzioni e per l?erogazione dei servizi;

Richiamato l?art. 162, comma 2 del D.Lgs 18.08.200 n. 267, in forza del quale il totale delle entrate finanzia indistintamente il totale delle spese;

Visto altres? l?art. 1 ? commi 5 e 7 ? della Legge Finanziaria 2008 (legge 24 Dicembre 2007 n. 244);

Considerato che con D.L. 23.06.2008 n. 112 convertito in L. 06/08/2008 n. 133 ? stata confermata, per il triennio 2009-2011, ovvero sino all?attuazione del federalismo fiscale se precedente all?anno 2011, la sospensione del potere degli enti locali di deliberare aumenti dei tributi, delle addizionali, delle aliquote ovvero delle maggiorazioni di aliquote di tributi ad essi attribuiti con legge dello Stato, fatta eccezione per gli aumenti relativi alla tassa sui rifiuti solidi urbani (TARSU);

Visto il D.L. 93 del 27/05/2008 convertito in Legge con modificazioni in data 27/07/2008 n. 126 e preso atto che ai sensi dell?art. 1 della stessa legge ? esclusa dall?I.C.I. l?unit? immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo ad eccezione di quelle categorie catastali A1/A8/A9 per le quali continua ad applicarsi l?aliquota ridotta regolamentata e la detrazione prevista dall?articolo 8, commi 2 e 3, del citato decreto n. 504/1992;

Visto il regolamento comunale per l?I.C.I., approvato con deliberazione del C.C. n. 21 del 29/05/2008 e successivamente modificato con deliberazione del C.C. n. 27 del 29/04/2010;

Formula la seguente proposta di deliberazione:

 

1) Di confermare per l?anno 2011 l?aliquota I.C.I. ordinaria nella misura del 5,30 per mille.

 

2) Di confermare per l?anno 2011 l?aliquota I.C.I. per l?abitazione principale, ove dovuta e come in premessa specificato, nella misura del 4,30 per mille e di fissare la relativa detrazione d?imposta nella misura di ? 104,00.

 

3) Di confermare per l?anno 2011 l?aliquota I.C.I. nella misura dell?1 per mille per unit? immobiliari inagibili o inabitabili e per immobili di interesse artistico o architettonico, localizzati nel centro storico, che saranno oggetto di interventi di recupero.

 

4) Di stimare per l?anno 2011 il conseguente gettito complessivo dell?imposta in ? 615.000,00;

 

5) Di dare atto che il presente atto, ai sensi dell?art.58, comma 4, del D.Lgs. n. 446/97, sar? pubblicato per estratto nella Gazzetta Ufficiale.


-
Deliberazione CC n. 11 del 22/02/2011 - PARERI PREVENTIVI
OGGETTO: IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.). DETERMINAZIONE ALIQUOTE PER L?ANNO 2011.







PARERI PREVENTIVI


Ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ESPRIME PARERE FAVOREVOLE in ordine alla regolarità TECNICA, del provvedimento che si intende approvare con la presente proposta di deliberazione.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
F.to Alessandro Andreone




Ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ESPRIME PARERE FAVOREVOLE in ordine alla regolarità CONTABILE, del provvedimento che si intende approvare con la presente proposta di deliberazione.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO
F.to Alessandro Andreone





-
Deliberazione CC n. 11 del 22/02/2011 - DISCUSSIONE, VOTAZIONE E DISPOSTO
OGGETTO: IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.). DETERMINAZIONE ALIQUOTE PER L?ANNO 2011.

Udito l?intervento del Sindaco - Corgnati Giovanni - che illustra il punto all?ordine del giorno con l?intervento per il cui testo si rinvia alla registrazione audio della seduta.

Uditi, altres?, gli interventi del Consigliere Bobba Stefano, degli assessori Filippi Bruna e Nicolotti Valentino ed, in replica, del Sindaco - Corgnati Giovanni - per cui testi si fa espresso rinvio alla registrazione audio della seduta.

Successivamente il Presidente indice la votazione.


IL CONSIGLIO COMUNALE

Vista la sopraestesa proposta di deliberazione;

Visto il parere FAVOREVOLE in merito alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile del Servizio, ai sensi dell'art. 49 del Decreto Legislativo n. 267 del 18/08/2000;

Visto il parere FAVOREVOLE in merito alla regolarità contabile espresso dal Responsabile del Servizio, ai sensi dell'art. 49 del Decreto Legislativo n. 267 del 18/08/2000;


Con voti favorevoli 10, contrari 1 (Bobba Stefano) e astenuti 0 espressi in forma palese;

D E L I B E R A

1) Di confermare per l?anno 2011 l?aliquota I.C.I. ordinaria nella misura del 5,30 per mille.

 

2) Di confermare per l?anno 2011 l?aliquota I.C.I. per l?abitazione principale, ove dovuta e come in premessa specificato, nella misura del 4,30 per mille e di fissare la relativa detrazione d?imposta nella misura di ? 104,00.

 

3) Di confermare per l?anno 2011 l?aliquota I.C.I. nella misura dell?1 per mille per unit? immobiliari inagibili o inabitabili e per immobili di interesse artistico o architettonico, localizzati nel centro storico, che saranno oggetto di interventi di recupero.

 

4) Di stimare per l?anno 2011 il conseguente gettito complessivo dell?imposta in ? 615.000,00;

 

5) Di dare atto che il presente atto, ai sensi dell?art.58, comma 4, del D.Lgs. n. 446/97, sar? pubblicato per estratto nella Gazzetta Ufficiale.

 








-
Deliberazione CC n. 11 del 22/02/2011


Letto, approvato e sottoscritto:

IL PRESIDENTE
F.to Corgnati Giovanni

IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Michelangelo La Rocca





RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE

La suestesa deliberazione;

¤ E' stata pubblicata all'Albo Pretorio dal giorno al giorno ai sensi di Legge. Reg. Pubbl. n. /.

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






Il sottoscritto Segretario Comunale certifica che la suestesa deliberazione è divenuta ESECUTIVA ai sensi dell'art. 134 - comma 3 - del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, decorsi dieci giorni dalla pubblicazione

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






LA PRESENTE COPIA E' CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO

Cigliano lì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
Clara Destro

_________________________