logo certificazione
Testo Pubblico
logo comune di Cigliano
COMUNE DI CIGLIANO
Provincia di Vercelli

VERBALE DI DELIBERAZIONE
DEL CONSIGLIO COMUNALE

N. 57 del 18/12/2010


OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO.


Il giorno 18/12/2010 alle ore 10.30 nella sala delle adunanze consiliari, previa convocazione individuale effettuata nei modi e termini di legge, si è riunito il Consiglio Comunale in sessione STRAORDINARIA e in seduta pubblica di PRIMA convocazione.

All'appello risultano:

Presenti                                             Assenti                                             
1) Corgnati Giovanni
2) Castelli Gianni
3) Filippi Bruna
4) Cena Giovanni Rocco
5) Andreone Federica
6) Rigazio Anna
7) Grigolo Emiliano
8) Nicolotti Valentino
9) Savio Giovanni
10) Bono Giovanni
11) Vercellone Eliana
12) Bobba Stefano
13) Scavarda Claudia Maria
14) Campanella Paolo
15) Barcotti Davide
1) Autino Livio
2) Bessone Enzo
Totale presenti 15Totale assenti 2



Assiste all'adunanza il Segretario Comunale Dott. Clara Destro il quale provvede alla redazione del presente verbale.

Essendo legale il numero degli intervenuti, Corgnati Giovanni assume la presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell'oggetto sopra indicato, posto al n. 5 dell'ordine del giorno.
Assiste alla seduta l'Assessore esterno Sig. Bertotto Stefano.

-
Deliberazione CC n. 57 del 18/12/2010 - PROPOSTA
OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO.

Premesso che:

 -          la legge 241 del 7/8/1990, nota come ?legge sulla trasparenza amministrativa?, ha disposto le ?norme in materia di procedimenti amministrativi e di diritto di accesso ai documenti amministrativi? con le quali, ispirandosi ai principi affermati dall?art 97 della Costituzione, l?attivit? amministrativa e le procedure delle pubbliche amministrazioni sono state semplificate ed ordinate, con una disciplina rivolta a garantire la protezione dei diritti dei cittadini mediante l?attuazione del principio di legalit? e la definizione di regole per l?esercizio tempestivo e puntuale delle pubbliche funzioni;

 

-          la legge 241/90, dalla sua approvazione, ha subito varie modifiche e integrazioni, in particolare con:

?           la legge 15 del 11/2/2005 che ha modificato le disposizioni riguardanti i principi generali dell?azione amministrativa, il procedimento e la sua conclusione, il diritto di accesso agli atti;

?           la legge 80 del 14/5/2005 che ha disposto una nuova disciplina relativa alla conclusione del procedimento, alla dichiarazione di inizio attivit? e al silenzio assenso;

?           la legge 69 del 18/6/2009 che ha apportato modifiche sostanziali sia per quanto riguarda i tempi di conclusione del procedimento sia per quanto riguarda l?ambito di applicazione della legge, riconducendo in particolare a Livelli Essenziali  delle Prestazioni (LEP) alcuni istituti disciplinati dalla stessa Legge 241/90;

 

- l?art 29 della stessa L. 241/90, nel testo sostituito e in parte integrato dall?art 10 della legge 69/2009 prevede :

? al comma 1-2? cpv, che, le disposizioni della legge 241/1990 e precisamente l?art 2- bis (conseguenze per il ritardo dell?amministrazione nella conclusione del procedimento), l?art 11(accordi integrativi e sostitutivi del provvedimento), l?art 15 (accordi tra pubbliche amministrazioni) art 25, commi 5, 5-bis e 6 (ricorsi concernenti il diritto di accesso), nonch? quelle del capo IV-bis (efficacia ed invalidit? del provvedimento amministrativo) si applicano a tutte le amministrazioni pubbliche;

? al comma 2, che le regioni e gli enti locali, nell?ambito delle rispettive competenze, regolano le materie disciplinate dalla L.241/1990 nel rispetto del sistema costituzionale e delle garanzie del cittadino nei riguardi dell?azione amministrativa, cos? come definite dai principi stabiliti dalla stessa legge;

? al comma 2-bis e ter, che attengono ai Livelli Essenziali delle Prestazioni (LEP) concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti dalle pubbliche amministrazioni su tutto il territorio nazionale, ai sensi dell?art. 117, secondo comma, lett. m) della Costituzione, le disposizioni della legge n. 241/1999 e s.m.i., relative a:

a) la partecipazione dell?interessato al procedimento amministrativo;

b) l?individuazione di un responsabile del procedimento amministrativo;

c) la conclusione del procedimento amministrativo entro il termine prefissato;

d) l?accesso alla documentazione amministrativa;

e) l?osservanza della durata massima dei procedimenti amministrativi;

f) la dichiarazione di inizio attivit?;

g) il silenzio assenso;

? al comma 2-quarter, che:..? le regioni e gli enti locali, nel disciplinare i procedimenti amministrativi di loro competenza, non possono stabilire garanzie inferiori a quelle assicurate ai privati dalle disposizioni attinenti ai livelli essenziali delle prestazioni di cui ai comma 2-bis e 2-ter ma possono prevedere livelli ulteriori di tutela;

 

Considerato che :

-          In merito ai tempi di conclusione dei procedimenti amministrativi, l?art. 2 della L. 241/90 cos? come modificato dalla L. 69/2009, prevede che se non diversamente stabilito in norme o in regolamenti, i termini di conclusione del procedimento sono di 30 giorni, e che il regolamento interno dell?ente pu? determinare tempi pi? lunghi fino a 90 giorni ed in caso eccezionale fino a 180 giorni;

-          L?art. 7 della L. 69/2009 prevede che le regioni e gli enti locali adeguino i propri regolamenti;

 

Dato atto che questo Comune  ha approvato il Regolamento Comunale sul procedimento amministrativo e sui tempi di conclusione dei procedimenti, con deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 12/03/1993;

 

Ritenuto necessario procedere all?adozione di un nuovo Regolamento comunale che tenga conto dell?evoluzione normativa e delle innovazioni organizzative e delle semplificazioni operative assicurate dall?informatica e dalla telematica, recependo in tal modo tutte le modifiche apportate negli anni alla L. 241/90;

 

Preso atto che l?elenco dei procedimenti, riportati in apposite schede che contengono i termini di conclusione ed individuano il Responsabile, verranno approvati  dalla Giunta Comunale nei termini indicati nel Regolamento medesimo;

 

Formula la seguente proposta di deliberazione:

 

1.       Di approvare per le motivazioni di cui in premessa e che si intendono qui integralmente riportate, il Regolamento Comunale sul Procedimento Amministrativo, allegato alla presente deliberazione per farne parte integrante e sostanziale, composto di n? 32 articoli;

 

2.       Di demandare alla Giunta Comunale l?approvazione dell?elenco dei procedimenti, con l?indicazione dei termini e le apposite schede che riguardano la procedura di ogni singolo procedimento amministrativo, entro trenta giorni dalla data di esecutivit? del presente provvedimento;

 

3.    Di dare atto che il nuovo regolamento sostituisce ed abroga quello approvato con deliberazione  consiliare n. 24  in data 12/03/1993.


-
Deliberazione CC n. 57 del 18/12/2010 - PARERI PREVENTIVI
OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO.







PARERI PREVENTIVI


Ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ESPRIME PARERE FAVOREVOLE in ordine alla regolarità TECNICA, del provvedimento che si intende approvare con la presente proposta di deliberazione.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
F.to Clara Destro





-
Deliberazione CC n. 57 del 18/12/2010 - DISCUSSIONE, VOTAZIONE E DISPOSTO
OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO.

Illustra il Consigliere CAMPANELLA Paolo, Presidente della Commissione Consiliare in materia di riforma dello Statuto Comunale e regolamenti.

 

Intervengono: il Sindaco, l?Assessore NICOLOTTI Valentino, il Consigliere CENA Giovanni Rocco ed il Segretario Comunale.

 

 Per i testi degli interventi, che qui si danno come integralmente riportati, si rinvia al processo verbale registrato. 

 

Successivamente il Presidente indice la votazione.


IL CONSIGLIO COMUNALE

Vista la sopraestesa proposta di deliberazione;

Visto il parere FAVOREVOLE in merito alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile del Servizio, ai sensi dell'art. 49 del Decreto Legislativo n. 267 del 18/08/2000;


Con voti favorevoli 15, contrari 0 e astenuti 0 espressi in forma palese;

D E L I B E R A

1.       Di approvare per le motivazioni di cui in premessa e che si intendono qui integralmente riportate, il Regolamento Comunale sul Procedimento Amministrativo, allegato alla presente deliberazione per farne parte integrante e sostanziale, composto di n? 32 articoli;

 

2.       Di demandare alla Giunta Comunale l?approvazione dell?elenco dei procedimenti, con l?indicazione dei termini e le apposite schede che riguardano la procedura di ogni singolo procedimento amministrativo, entro trenta giorni dalla data di esecutivit? del presente provvedimento;

 

3.    Di dare atto che il nuovo regolamento sostituisce ed abroga quello approvato con deliberazione  consiliare n. 24  in data 12/03/1993.








-
Deliberazione CC n. 57 del 18/12/2010


Letto, approvato e sottoscritto:

IL PRESIDENTE
F.to Corgnati Giovanni

IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro





RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE

La suestesa deliberazione;

¤ E' stata pubblicata all'Albo Pretorio dal giorno al giorno ai sensi di Legge. Reg. Pubbl. n. /.

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






Il sottoscritto Segretario Comunale certifica che la suestesa deliberazione è divenuta ESECUTIVA ai sensi dell'art. 134 - comma 3 - del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, decorsi dieci giorni dalla pubblicazione

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






LA PRESENTE COPIA E' CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO

Cigliano lì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
Clara Destro

_________________________

Allegato Allegato Allegato