logo certificazione
Testo Pubblico
logo comune di Cigliano
COMUNE DI CIGLIANO
Provincia di Vercelli

VERBALE DI DELIBERAZIONE
DELLA GIUNTA COMUNALE

N. 13 del 04/02/2010


OGGETTO: RENDICONTAZIONE GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE EX U.S.S.L. N. 45 RELATIVA AL PERIODO 1980 -1995 E RITRASFERITI PER LEGGE ALL?A.S.L. N. 11.


Il giorno 04/02/2010 alle ore 18,00 nella sala delle adunanze, previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalla vigente legge, vennero oggi convocati a seduta i componenti della Giunta Comunale.




All'appello risultano:

Presenti                                             Assenti                                             
1) Corgnati Giovanni
2) Rigazio Anna
3) Castelli Gianni
4) Filippi Bruna
5) Nicolotti Valentino
6) Bertotto Stefano
1) Autino Livio
Totale presenti 6Totale assenti 1






Partecipa all'adunanza il Segretario Comunale Dott. Clara Destro, il quale provvede alla redazione del presente verbale.

Essendo legale il numero degli intervenuti, Corgnati Giovanni assume la presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell'oggetto sopra indicato.

-
Deliberazione GC n. 13 del 04/02/2010 - PROPOSTA
OGGETTO: RENDICONTAZIONE GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE EX U.S.S.L. N. 45 RELATIVA AL PERIODO 1980 -1995 E RITRASFERITI PER LEGGE ALL?A.S.L. N. 11.

Premesso che:

-            La Regione Piemonte, con deliberazione del 30/09/1980 n. 8 avente per oggetto ?Disposizioni attuative per l?esercizio delle funzioni degli Enti Ospedalieri da parte delle UU.SS.LL.?, ha fissato lo scioglimento degli enti ospedalieri situati nella Regione entro il 31.12.1980;

-            Con appositi D.P.G.R. veniva altres? disposto il trasferimento del patrimonio dell?ente ospedaliero;

-            La Regione Piemonte, con legge n. 9 del 28/03/1983, disciplina il regime patrimoniale dei beni destinati alle UU.SS.LL. stabilendo, per i beni immobili destinati alla erogazione dei servizi sanitari, l?acquisizione ai Comuni e la gestione all?Unit? Socio Sanitaria Locale che li ha in uso e, per i beni immobili non destinati alla erogazione dei servizi sanitari, l?acquisizione ai Comuni e la gestione al Comune nel cui territorio sono collocati, in attesa di reimpiego, traslocazione o alienazione, per il reinvestimento dei capitali ricavati in opere di miglioramento e di realizzazione di strutture adibite o da adibirsi a servizi sanitari;

-            L?art. 5 del D. Lgs. 30/12/1992 n. 502 e successive modificazioni, cos? come sostituito dall?art. 5 del D. Lgs. 19/06/1999 n. 229 ha stabilito che ?Nel rispetto della normativa regionale vigente, il patrimonio delle unit? sanitarie locali e delle aziende ospedaliere ? costituito da tutti i beni mobili e immobili ad esse appartenenti, ivi compresi quelli da trasferire o trasferiti loro dallo Stato o da altri enti pubblici, in virt? di leggi o provvedimenti amministrativi, nonch? da tutti i beni comunque acquisiti nell?esercizio della propria attivit? o a seguito di atti di liberalit??;

-            La L.R. 18/01/1995 n. 8 dispone che con decreto del Presidente della Giunta Regionale si proceda al trasferimento alle nuove Aziende Sanitarie del patrimonio mobiliare e immobiliare;

-            La L.R. 12.12.1997 n. 61 dispone che con provvedimento regionale vengono trasferiti alle Aziende Sanitarie i beni immobili non ancora assegnati ai sensi dell?art. 5 del D. Lgs. n. 502/1992 e successive modificazioni;

-            Con D.P.G.R. n. 5545 del 29/12/1994 ? stata costituita l?Azienda Regionale U.S.L. n. 11 di Vercelli;

-            Con deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 del 21/09/2000 veniva dato atto del trasferimento all?Azienda Sanitaria Locale n. 11 di Vercelli, ai sensi della sopra richiamata normativa, dei beni esistenti  al 31/12/1994 e facenti parte del patrimonio immobiliare con vincolo di destinazione sanitaria;

 

Considerato che:

- occorre procedere alla rendicontazione della gestione dei beni immobili in questione;

- in base ai ruoli delle entrate patrimoniali relative ai terreni ?ex ospedale? emessi nel periodo 1980 ? 1995, detratte le spese sostenute per la gestione dei beni stessi, la somma da accreditare all?A.S.L. VC viene quantificata in ? 7.000,00;

 

Ritenuto pertanto procedere al versamento della somma suddetta all?A.S.L. VC a conclusione della gestione del patrimonio immobiliare ex U.S.S.L. n. 45  relativa al periodo 1980 -1995 e ritrasferiti per legge all?A.S.L. n. 11;

 

Formula la seguente proposta di deliberazione:

 

1)        Di dare atto che, a conclusione della gestione del patrimonio immobiliare ex U.S.S.L. n. 45  relativa al periodo 1980 -1995 e ritrasferiti per legge all?A.S.L. n. 11, la somma da accreditare all?A.S.L. VC viene quantificata in ? 7.000,00;

2)        Di dare mandato ai competenti uffici comunali di procedere al versamento della somma suddetta.

 


-
Deliberazione GC n. 13 del 04/02/2010 - PARERI PREVENTIVI
OGGETTO: RENDICONTAZIONE GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE EX U.S.S.L. N. 45 RELATIVA AL PERIODO 1980 -1995 E RITRASFERITI PER LEGGE ALL?A.S.L. N. 11.







PARERI PREVENTIVI


Ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ESPRIME PARERE FAVOREVOLE in ordine alla regolarità TECNICA, del provvedimento che si intende approvare con la presente proposta di deliberazione.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
F.to Danilo Rebesco




Ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ESPRIME PARERE FAVOREVOLE in ordine alla regolarità CONTABILE, del provvedimento che si intende approvare con la presente proposta di deliberazione.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO
F.to Alessandro Andreone





-
Deliberazione GC n. 13 del 04/02/2010 - DISCUSSIONE, VOTAZIONE E DISPOSTO
OGGETTO: RENDICONTAZIONE GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE EX U.S.S.L. N. 45 RELATIVA AL PERIODO 1980 -1995 E RITRASFERITI PER LEGGE ALL?A.S.L. N. 11.

Successivamente il Presidente indice la votazione.


LA GIUNTA COMUNALE

Vista la sopraestesa proposta di deliberazione;

Visto il parere FAVOREVOLE in merito alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile del Servizio, ai sensi dell'art. 49 del Decreto Legislativo n. 267 del 18/08/2000;

Visto il parere FAVOREVOLE in merito alla regolarità contabile espresso dal Responsabile del Servizio, ai sensi dell'art. 49 del Decreto Legislativo n. 267 del 18/08/2000;


Con voti favorevoli 6, contrari 0 e astenuti 0 espressi in forma palese;

D E L I B E R A

di approvare la su estesa proposta di deliberazone che qui si intende integralmente riportata.







-
Deliberazione GC n. 13 del 04/02/2010


Letto, approvato e sottoscritto:

IL PRESIDENTE
F.to Corgnati Giovanni

IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro





RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE

La suestesa deliberazione;

¤ E' stata pubblicata all'Albo Pretorio dal giorno al giorno ai sensi di Legge. Reg. Pubbl. n. /.

¤ Ai sensi dell'art. 125 del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, del presente verbale viene data comunicazione oggi _______________, giorno di pubblicazione, ai capigruppo consiliari (elenco n. _______ prot. n. _______).

¤ Trasmessa in copia alla Prefettura (prot. n. ____________).

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






Il sottoscritto Segretario Comunale certifica che la suestesa deliberazione è divenuta ESECUTIVA ai sensi dell'art. 134 - comma 3 - del D.Lgs 18/08/2000 n. 267, decorsi dieci giorni dalla pubblicazione

Addì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Clara Destro






LA PRESENTE COPIA E' CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO

Cigliano lì _______________
IL SEGRETARIO COMUNALE
Clara Destro

_________________________